mercoledì 22 ottobre 2008

Spezzatino con carote e curry


La maggior parte delle volte, la mia cena parte da un desiderio - che a sua volta spesso è generato da qualche ingrediente che so di avere stivato in dispensa.
La felicità sta nel desiderare qualcosa che si ha già. Non ricordo chi lo ha detto, ma è davvero un pensiero saggio ed efficace. Quando si riesce a praticarlo...
Tutto per dire che oggi avevo voglia di un certo spezzatino che faceva la Elisabetta, che badava alla nostra casa e a noi quando stavo ancora in famiglia. Era un normale spezzatino, con patate e piselli. Ma sarà per la fame adolescenziale di quando si torna da scuola, sarà perché la Elisabetta cucinava bene, è rimasto nei miei ricordi felici.
Nella mia casa di adesso so di avere un bello spezzatino di vitello in freezer, che aspetta solo l'occasione: ma niente patate, niente piselli e nessunissima voglia di andare a comprarli.
Quindi mi invento questo enormemente semplice spezzatino al curry, che mi è piaciuto.
  • 400 gr di spezzatino di vitello
  • 3 carote
  • 1 cipolla bianca grossa o due piccole
  • 1/2 vasetto di yogurt Total 2%
  • olio
  • burro
  • triplo concentrato di pomodoro
  • curry madras forte
  • buccia di limone essiccata
  • 6 semi di cardamomo
  • 1 cucchiaino di amido di mais
Pulire e affettare cipolla e carote a uno spessore di 3 mm (ovvero non troppo sottili).
In una casseruola a fondo pesante saltarle in poco olio, a fuoco medio. Quando sono appassite ma non colorite toglierle e conservarle. Aggiungere in pentola una noce di burro e un cucchiaio d'olio, e quando sono caldi far andare la carne tagliata a bocconcini. Quando il liquido si sarà consumato, rimettere in pentola le verdure. Salare, spolverare di curry, mescolare e aggiungere un cucchiaio abbondante di concentrato di pomodoro sciolto in una tazza d'acqua calda. Aggiungere le bacche di cardamomo e le bucce di limone, abbassare la fiamma al minimo, e cuocere per circa un'ora, se occorre aggiungendo altro liquido.
A cottura, quando la carne sarà tenerissima e la salsa avrà un aspetto glassato (il connettivo contenuto nella carne avrà fatto il suo adorabile lavoro), mescolare lo yogurt con l'amido sciolto in un cucchiaio d'acqua, versare in pentola, mescolare bene e cuocere ancora dieci minuti.
Io l'ho servito con il tortino di riso iraniano, che mi è sembrato proprio perfetto.

27 commenti:

manukag ha detto...

Allora, ho fatto il Tortino Andino e sono riuscita. Ho asciugato bene i pomodori e tutto... Forse ne ho fatto troppo, pero' é venuto abbastanza bene. E poi ho fatto la caprese. Beh, questa mi é venuta veramente bene e nessuno quasi ci credeva che l'avessi fatta io...
Troppo felice.
Ormai saro' una tua lettrice a vita.

a presto
manu

Esmé ha detto...

Manu: queste sono GROSSE soddisfazioni.

Daniela ha detto...

Ero quasi felice. Nel senso che ho iniziato a leggerti e mi sono subito eccitata per il fatto di avere lo spezzatino giusto giusto in attesa di scongelamento e di fare una fine dignitosa. L'avevo tirato fuori stamattina dal freezer senza troppa convinzione. "Il curry! Ecco, non ci avevo pensato...". La felicita' poteva essere desiderare lo spezzatino che avevo. Peccato che mi manchino yogurt adatto, cardamomo, buccia di limone essicata and so on. Mi sa che finisce coi piselli: che noia, che barba...

Esmé ha detto...

Del cardamomo te ne freghi; la buccia di limone ce la metti fresca (in questo caso, a metà cottura); lo yogurt.... eh, qua non so che dirti: ci va.
Quasi felice è un livello di approssimazione per cui io venderei la mamma (scusa mamma).

maruzzella ha detto...

l'ogggetto in secondo piano somiglia straordinariamente alla mitica frittata di patate all'aglio e rosmarino di mia madre. Non mi dire?

Esmé ha detto...

No, no, non ti preoccupare, non abbiamo la stessa mamma :-)
L'oggetto in secondo piano è un riso iraniano ideale per accompagnare, invece del pane, i piatti sugolosi.

Anonimo ha detto...

quel riso non mi è riuscito
e lo voglio assaggiare
posso prenotarmi?

io sono una fan degli spezzatini, quasi qusnto delle polpette

Syl

Esmé ha detto...

Impossibile! Che è successo? Che riso hai usato? Parliamone.
Per la prenotazione: lunedì entro in ritiro nazidietologico. L'ultima possibilità è al pranzo di domenica da Chiaretta. Dopodiché, roast beef e acqua di fonte, se mi di vuol frequentare.

Anonimo ha detto...

azz' a quel pranzo non ci sarò. Suocera oblige.

divideremo assieme le nostre fettine di roast-beef

il riso era giusto, è la mia manualità che è nulla

Syl

Esmé ha detto...

Ma non c'è niente di manuale!
Mi sono accorta che non ho mai messo qua la ricetta, poi una volta mi spieghi perbenino cosa non ha funzionato (tutto si spiegherebbe se ci avesse messo lo zampino il tuo Disturbatore Domestico Personale)

Anonimo ha detto...

Domani ancora tutta vita!
Però ricordiamoci bene da lunedì solo finocchi.
Cannelloni di zucca e torte di riso solo sottobanco.
ciao
baci
gio

manukag ha detto...

Abbasso la nazidieta.
Non farla.

Anonimo ha detto...

allora buoni i finocchi?
se vuoi faccio la dieta con te,in due si soffre che è un piacere
:)
pagnotta che necessita diventare grissino

RENZO ha detto...

No, ti prego. Nazidieta? Spero non sia come quella depressione cosmica dell'ultima volta, quella dell'indice glicemico, che "se applicata rigidamente funziona".

Un po' come il comunismo, del resto.

Esme, ripensaci. RIPENSACI!

(Però, a pensarci bene, che periodi felici, quelli che precedono le nazidiete)

Anonimo ha detto...

Dai, su col morale!
Però domani sera facci vedere come si organizza una cena epica con un finocchio (bio, ovviamente) e mezza seppiolina senz'osso.
baci e auguri
gio

Anonimo ha detto...

PS.
Non ho capito (ma sono cionco) perché devo fare l'anonimo.
Prima facevo il nonno senza problemi.
ciao
gio

Anonimo ha detto...

intanto mi sono portata avanti per fare peso tondo con una cena di addio un risottone di zucca e farro,parecchio pane e formaggio,un crudino di parma ,numerosi caki belli maturi,una fettona di torta di fecola ,del nippon,e una dozzina di gianduiotti
niente insalata che è pesante
un cognachino per digerire
aspetto ancora un giorno
poi parto a modo mio
:)
pagnottona

maricler ha detto...

Ciao Zelda, hai visto che ho fatto la mia prima azione vera da foodblogger? (Una raccolta di ricette, intendo, non pensare male).
Dai, partecipa anche tu, anche con una ricetta improbabile ;)
Ps. Devi assolutamente leggere Pippa Lee, è magnifico!

Esmé ha detto...

Scusatemi tutti, vi ho mollati qua, ma c'è stata una novità che mi ha assorbito completamente. Domani ve la presento.

Renzo: quella era una passeggiata,in confronto. Questa è la madre di tutte le diete. Ma va fatta, e si fa.
A prestissimo.

Anonimo ha detto...

Pagno,
cos'è il nippon?
Mi è piaciuta un sacco la tua predieta.

Syltonda, che sta imbottendo dei peperoni

Esmé ha detto...

Pippa Lee?

Anonimo ha detto...

syltonda, nippon è un cioccolato al latte con riso soffiato ,tipo un ciocorì gigante ,adattissimo alle prediete :)
ma che combina esme?
pagnotta

maricler ha detto...

Le vite private di Pippa Lee, di Rebecca Miller. Sulla mia pagina di Anobii (bibliogirl) ho anche scritto un commento. Baciu

Anonimo ha detto...

Beh?
Siamo in ritardo con le promesse.
La foto di profilo non è venuta bene?
Attendiamo il nuovo 3D.
ciao
gio

Anonimo ha detto...

Beh?
Siamo in ritardo con le promesse.
La foto di profilo non è venuta bene?
Attendiamo il nuovo 3D.
ciao
gio

bandini ha detto...

"enormemente semplice" era ironico, vero? penso di aver perso 2 kg per la tensione, ma nessuna falange nell'affettare cipolle e carote. e poi avevo commensali di bocca buona oppure storditi con i potenti rossi piemontesi predisposti già con le patatine d'overture. insomma, un successo, many tnx.

Esmé ha detto...

Bandini, sei l'unico al mondo che riesce a perdere dei chili cucinando una mia ricetta. Complimenti. Casomai saresti disposto a seguirmi dal mio dietologo e ripeterglielo di persona?

Bentrovato sulla Via dei fornelli, fratello. Tra poco metterò anche la ricetta del tortino di riso che si intravede dietro allo spezzatino: aspetto con ansia i tuoi commenti.