sabato 15 agosto 2009

Trionfi

Ristabilisco di botto la mia autostima culinaria con queste bellissime (e buonissime) spighe.
La ricetta l'avevo trovata qua e me l'ero segnata in attesa di una occasione speciale: queste cosine che richiedono un minimo di manualità mi divertono sempre molto. Poco lavoro, molto gioco e soddisfazione garantita. E poi c'è dentro lo strutto, che è santo. Quindi a modo mio santifico il Ferragosto.
Per stasera, incredibile ma vero, ho preparato una cena sobria e vegetariana. Questo, immagino, di rimbalzo dopo aver scritto una lettera polemica ad una mia amica che medita di convertirsi a una vita di verdura e privazioni. Il mio inconscio sorride divertito dello scherzetto che mi ha giocato.

16 commenti:

Anonimo ha detto...

Bellissime le spighe.
Io ovviamente questa sera ho mangiato frittata con le cipolle e porkolt.
A mezzogiorno (avevo ospiti) mozzarelline fritte e papardelle al ragù tosco. Ma a natale giuro che mangerò cibi freddi.
ciao
baci
nonno

Anonimo ha detto...

belle le spighe davvero un trionfo
e il nonno non scherza eh?
beh io stasera ho bevuto ,anche alla vostra salute e soprattutto all'estate che passa ma non abbastanza in fretta,una intera bottiglia di ottimo prosecco
e un bel cicchettone di rum
oh là
pagno

Esmé ha detto...

Ohhhh, là. A tutti e due.
Bravo nonno, ti aspetto col gazpacho a Natale.
Pagno, dacci dentro col forno nuovo, col caldo infornare è catartico.

Anonimo ha detto...

Considerazione notturna.
Chissà perché ma i disastri hanno sempre più partecipazioni dei trionfi.
ciao
baci
nonno

Esmé ha detto...

Come sei profondo Gio, in notturna.

Anonimo ha detto...

Sempre in notturna.
Non voglio sapere che caldo fa dalle mie ex parti.
ciao
baci
nonno

Daniela ha detto...

Ciao, anche se non sono childfree(ne ho due!!!), ti lascio la ricetta che uso per il "gelo di mellone" ....mi sembra che tu sia una purista della cucina mentre io cerco di ottimizzare i tempi ;)
in ogni caso procedo così e i risultati sono buoni:
Centrifugo la polpa dell'anguria e misuro la quantità di succo ottenuta, poi calcolo 80 gr di amido di grano e 80 di zucchero per ogni litro di succo.
Uso una parte di succo per diluire l'amido (ottimi risultati con il mixer o il frullatore)e poi verso tutto in un contenitore per il microonde, mescolo bene e cuocio a 900 per 10-12 minuti (con pause ogni 3 minuti per mescolare a fondo), infine aggiungo della cannella ridotta in bricioline, mescolo e lascio riposare per 5 minuti...passati i quali verso il composto nelle formine individuali o in una forma da budino. Una volta sformato (da fare assolutamente al momento di servire) decoro con gocce (o scaglie) di cioccolata fondente e fiori di gelsomino. Per quanto riguarda il tuo esperimento non credo dipenda dall'anguria....di solito a casa mia si usano quelle che risultano poco dolci per essere mangiate. Mi fai sapere se ti riesce? Se hai bisogno dei tempi di cottura tradizionali batti un colpo che mi informo con la genitrice. Ciao, Daniela

Daniela ha detto...

Ooops dimenticavo, ovviamente lasci raffreddare e poi metti in frigo fino al momento di comnsumarlo. Ciao, Daniela

comidademama ha detto...

sono venute bellissime!

Esmé ha detto...

Comida, è impossibile che vengano brutte! È una ricetta a prova di asino. Quindi le farò per sempre, e sempre mi divertiranno.
Se posso permettermi, per me sono meglio le piccole delle grandi: queste ultime conservano un interno mollicoso, le piccole invece sono grissine, secchine e croccanti.
Mi fa piacere che mi leggi: anch'io leggo te, nonostante l'abisso di competenza che ci divide.

Esmé ha detto...

Daniela, grazie. Ahimè le dosi di amido e zucchero sono le stesse che ho usato io, solo che ho usato l'amido di mais. Non sono purista affatto; il microoonde lo uso, ma non è che faccia la differenza: semplicemente scalda su basi diverse. Ora cercherò di rifarlo come dice Bressanini (e come dici tu), con l'amido di frumento. Forse fu quello, l'errore.
Ma tra poco è autunno, fine della stagione del mellone.

Daniela ha detto...

Esmè, sappi che da noi i pasticceri surgelano il succo ;)
Ciao

RENZO ha detto...

Rieccomi, dopo essere scappato senza neanche salutare, che maleducato.

(Rientri, qui lo dico e qui lo nego: in lombardia si sta meglio. In Trinacria, umidità al 100% e neanche un refolo ad asciugarti la fronte. E di pesce locale nemmeno l'ombra, a parte le anciove, belle, buone, onnipresenti, economiche)

Il gelo: la colpa è senz'altro dell'amido, usa quello di frumento, e procurati una forma, perbacco!

(cribbio, solo una milanese poteva fare il gelo con l'amido di polenta!)

Mav ha detto...

ehm, anch'io l'ho fatto con l'amido di mais, e mi è sempre venuto bene.
ma dov'è la ricetta delle spighe? Non trovo più il link! Pensa che Bree aveva trovato il sale di Madon qui a Pechino...

lise.charmel ha detto...

che eleganza questa preparazione!

Anonimo ha detto...

esmè ?
mi manchi

pagno